Sommario

Poemi 201

Poemi 202

Poemi 203

Poemi 204

Poemi 205

Poemi 206

Poemi 207

Poemi 208

Poemi 209

Poemi 210

Poemi 211

Poemi 212

Poemi 213

Poemi 214

Poemi 215

Poemi 216

Poemi 217

Poemi 218

Poemi 219

Poemi 220

Poemi 221

Poemi 222

Poemi 223

Poemi 224

Poemi 225

Poemi 226

Poemi 227

Poemi 228

Poemi 229

Poemi 230

Poemi 231

Poemi 232

Poemi 233

Poemi 234

Poemi 235

Poemi 236

Poemi 237

Poemi 238

Poemi 239

Poemi 240

Poemi 241

Poemi 242

Poemi 243

Poemi 244

Poemi 245

Poemi 246

Poemi 247

Poemi 248

Poemi 249

Poemi 250

 

<< Ritrovare le orme dei tuoi passi tra poemi sublimi che sembrano darti l'eternità, e chiedersi guardando l'incerto orizzonte della tua vita che in fondo non era un sogno… …sei esistito anche tu >>

Lungo il tragitto di una vita ci si incontra spesse volte tra sublimi poemi che fanno della nostra esistenza un bagaglio indescrivibile di parole che sfumano nel momento in cui si sono dette.
In questo frangente ci si scopre molte volte artisti di talenti incontrollabili, indescrivibili, quasi irriconoscibili dall'altro lato opposto di noi, cercando così di dare spiegazione tangibile a segni che si trasformano in poesia.
Cos'è dunque il poema sublime di un'esistenza poetica.
E' il lato di noi che si realizza, che inizia a prendere forma, che esplora gli abissi più profondi della nostra personalità, portandola nel lungo viaggio dell'eternità, tra riflessioni, silenzi e autoanalisi… e una volta lì, cercare di dare significato a quel piccolo spiraglio di talento che si possiede.
Talento che spesse volte segue il proprio corso come un treno senza controllo, su rotaie che sembrano avere una rotta unidirezionale ma che invece nascondono percorsi intrecciati e imprecisi, tra follie emotive e estasi di tranquillità assoluta e chiedersi ancora una volta se ha senso vivere se non si ha questo, sublime poema, che fa di noi la differenza.
E di nuovo ritrovarsi a percorre tunnel, sentieri, aree di infiniti orizzonti che sembrano avere una fine, ma una volta lì, accorgersi che non si è giunti alla meta, e ritorni a correre, cadere, rialzarti, cadere e correre ancora, tra follie di un passato che attraversa il tuo presente facendosi beffa del tuo incerto futuro. Ritrovandoti tra poemi sublimi con un pugno di parole al vento e spirando della tua esistenza poetica ecco, la solitudine, che sveglia quell'istinto di appartenenza, di poeta/autore che tra poemi sublimi invoca quell'unico grido di esistenza che ha dato il giusto valore alle tue notti insonne.
E vederti lontano, come un frammento di stella rimpiangendo a te stesso che non sei riuscito ad appendere il tuo desiderio sublime poetico, mentre la stella cade giù ripeti in silenzio :"Ho avuto una esistenza poetica anch'io."

Noha Poeta Infranto

 

Su Home Biografia News Contatti Link Amici Statistiche Ordini Mappa Sito
Copyright 2002-2017 - WebMaster Sinfolab - Perugia

  Poeti Non Protagonisti WEB

© Tutti i Diritti Riservati